Published On: gio, gen 31st, 2019

Share This
Tags

L'arbitro alza un cartellino rosso durante una partita di calcio, 28 maggio 2012. ANSA/FRANCO SILVI

L’arbitro alza un cartellino rosso durante una partita di calcio, 28 maggio 2012.
ANSA/FRANCO SILVI


Puglia
Ultima OraIn EvidenzaLifestyle

In malattia ma fa l’arbitro, denunciato
Nei guai dipendente Tribunale e medico che firmava certificati
© ANSA
Redazione ANSA
TARANTO
29 gennaio 201910:06 NEWS

TARANTO – Si assentava dal lavoro per malattia, contando sulla complicità di un medico che firmava i certificati, ma andava ad arbitrare all’estero. Per questo un operatore amministrativo del Tribunale di Taranto e lo stesso medico sono stati denunciati in concorso per truffa aggravata ai danni dello Stato. La Guardia di finanza di Taranto ha eseguito un decreto di sequestro preventivo “per equivalente” di beni e disponibilità finanziarie, per un totale di 32mila euro, nei confronti di entrambi.
Secondo le indagini, il dipendente del Ministero della Giustizia, ora in pensione, in oltre due anni, ha prodotto certificazioni attestanti riposi medici per un totale di 243 giorni. In particolare, è emerso che in 80 dei giorni di malattia, il dipendente ha partecipato a manifestazioni sportive tenutesi sia in Italia che all’estero, in qualità di arbitro e/o componente di commissioni di gara di una Federazione Sportiva Italiana. L’importo di 32mila euro è pari al complessivo del danno erariale provocato, riferito alle retribuzioni percepite nelle giornate di “malattia” dedicate invece alle attività sportive, nonché delle tasse evase riferite ai compensi elargiti al funzionario pubblico dalla Federazione Sportiva, non indicati dallo stesso nelle dichiarazioni dei redditi.

About the Author

- Sono un ragazzo di 20 anni. Studente universitario di giorno, aspirante giornalista di notte.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.