Published On: dom, gen 12th, 2014

Al Panetti di Bari, “Dal Commodore 64 al Computer Quantistico”. Mostra di computer anni 80 e 90

Share This
Tags

Nell’ambito delle manifestazioni per celebrare i 50 anni del Panetti, ripercorreremo insieme l’evoluzione storica delle tecnologie informatiche, delle apparecchiature e delle applicazioni e le prospettive dell’ICT, con una conferenza dal titolo

Dal Commodore 64 al Computer Quantistico – nostalgia e nuove frontiere dell’Informatica”

L’incontro, aperto a docenti e famiglie, si terrà il 15 gennaio, alle 10.00, presso l’Aula Magna dell’ITT “M. Panetti” di Bari. A parlare di nostalgia e nuove frontiere saranno:

  • Eleonora Mattteo, Dirigente Scolastico del Panetti
  • Pino Bruno – Direttore Resp. di TOM’S HARDWARE ITALY del Gruppo Editoriale l’Espresso
  •  Vittorio Di Marzo, Vincenzo Antonicelli e Roberto Capuzzimati –  Ass. Apuliaretrocomputing
L’indirizzo INFORMATICA e TELECOMUNICAZIONI del Panetti prepara da 50 anni Tecnici pronti ad affrontare le nuove sfide e soddisfare le richieste del Mondo del Lavoro. Il settore delle tecnologie per lo sviluppo delle Infrastrutture digitali prevede ottime prospettive di lavoro per esperti tecnologi con competenze approfondite su tutti i livelli delle infrastrutture digitali: networking, calcolo, memorizzazione e middleware.
Durante la conferenza sarà presentato il Museo Itinerante Apulia Retrocomputing che sarà ospitato nei locali della scuola domenica 19 gennaio, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00. Saranno esposti computer e consoles a 8/16 bit degli anni ’80 e ’90. L’ingresso è libero.

About the Author

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.