Published On: mer, gen 13th, 2021

America, prima donna giustiziata negli ultimi 67 anni

Share This
Tags

E’ stata dichiarata morta all’1:31, di martedì 13 gennaio, sette ore e mezza dopo l’orario originariamente previsto, dopo aver ricevuto un’iniezione letale nel complesso carcerario federale di Terre Haute, nell’Indiana, USA, Lisa Montgomery.

La donna era stata condannata a morte per aver strangolato una donna incinta, Bobbie Jo Stinnett, nello stato del Missouri e aver letteralmente tagliato la bambina dal suo grembo. Era il 2004. La piccola si salvò, ma per la madre non ci fu niente da fare.

Sin dal primo momento la difesa ha puntato sull’infermità mentale mettendo in rilievo i danni psicologici riportati dall’imputata per gli abusi subiti durante l’infanzia. Kelley Henry, legale di Montgomery, ha espresso la sua delusione per gli eventi della giornata, affermando che il governo federale ha violato la Costituzione, la legge e il proprio regolamento per eseguire la condanna della sua cliente. “La vile sete di sangue di un’amministrazione fallita stasera era in piena mostra. Tutti coloro che hanno partecipato all’esecuzione di Lisa Montgomery dovrebbero provare vergogna”, ha detto in una dichiarazione fornita alla rete Usa Today, aggiungendo: “La nostra Costituzione vieta l’esecuzione di una persona che non è in grado di intendere e di volere, ma l’hanno uccisa comunque”.

Solo poche ore prima dell’esecuzione, il tribunale presieduto dal giudice Patrick Hanlon ne aveva concesso la sospensione temporanea, ma poco prima della mezzanotte ora locale, la Corte Suprema degli Usa ha dato il via libera, respingendo i ricorsi degli avvocati della donna.

È stata l’11esima esecuzione di una condanna a morte da luglio, quando il presidente Donald Trump le ha ripristinate dopo ben 17 anni. La prima donna ad essere stata messa a morte negli ultimi quasi 70 anni.

About the Author

- 20 anni, studente universitario di economia e tirocinante giornalista

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.