Published On: gio, lug 3rd, 2014

Bari e Barletta. Furti, tre tunisini in manette. A Monopoli arrestato gioielliere e deferito per furto sorvegliato

poliziaLa Polizia di  Barletta ha arrestato  in flagranza di reato, per tentato furto aggravato in  concorso e possesso di arnesi atti allo scasso,  tre stranieri, un  tunisino di 40 anni, un romeno di 46 ed un minore, anch’egli nato in  Romania.

I tre sono stati colti sul fatto mentre, sul terrazzo dell’Enel di via  Marconi, cercavano di  smontare  un grosso  refrigeratore.

L’intervento della Polizia ha consentito di  sorprendere i malfattori e bloccarli mentre cercavano di darsi alla fuga.

Sul posto sono stati rinvenuti e sequestrati anche gli attrezzi per lo  smontaggio del refrigeratore, abbandonati sul posto dai malviventi  durante la fuga.

I due maggiorenni sono stati portati nel carcere di Trani, a disposizione dell’A.G. competente, mentre il  minore è stato condotto presso l’Istituto Penale per i Minorenni di Bari.

A Monopoli il personale del Commissariato ha intensificato l’attività di prevenzione e controllo del territorio.

Dopo accurate indagini, è stato denunciato in stato di libertà alla  Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari, per appropriazione  indebita aggravata, un venditore di gioielli al dettaglio, 50enne  monopolitano, con precedenti di polizia.

All’uomo, grazie alla sua attività, erano stati consegnati da conoscenti gioielli in oro e pietre preziose per  un valore di circa 12.000 euro, affinché li facesse visionare alla clientela  del negozio, con la promessa di restituirli in pochi giorni.

Tuttavia,  nonostante i ripetuti inviti del proprietario,  l’esercente non ha mai  restituito i preziosi, anche a motivo del fatto che aveva chiuso la propria  attività.

Martedì è stato deferito a piede libero all’A.G. anche un sorvegliato  speciale della pubblica sicurezza, monopolitano di 37 anni,  impossessatosi di un marsupio contenente denaro carte bancomat documenti e  chiavi di casa di un operaio dipendente di un’impresa edile della città.

L’uomo, trovato in possesso anche di vari cellulari trovati nella sua abitazione durante la perquisizione  domiciliare effettuata, è stato anche denunciato per la violazione degli obblighi della misura di prevenzione cui è sottoposto.

In un capannone, in Contrada Sant’Oronzo, sono stati  trovati e sequestrati numerosi pezzi di auto e accessori per auto  di varie marche di probabile provenienza furtiva, e l’attrezzatura  per la contraffazione di telai d’auto ed altri strumenti utilizzabili per eseguire furti in appartamento.

Un 61enne con precedenti di polizia è stato denunciato a piede libero per ricettazione e possesso ingiustificato  di chiavi alterate o grimaldelli.

Questura di Bari

About the Author

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.