Published On: ven, ago 7th, 2015

Bari: il piano straordinario dell’Amiu? Solo parole

cassonetti rifiutiIl sindaco di Bari, Antonio Decaro circa una settimana fa aveva fatto la voce grossa con l’Amiu per  la sporcizia in cui versa la città di Bari.

Dal vertice avuto con la direzione dell’amiu, il sindaco ha preteso un piano straordinario per ripulire la città, ma nulla è stato fatto.

Sul social  facebook, e precisamente dal gruppo “Salviamo Bari-Dillo con una foto”  continuano a postare decine e decine di foto di una città invasa dai rifiuti di ogni genere , cassonetti rotti e stracolmi di rifiuti che emanano un odore nauseabondo, marciapiedi pieni di escrementi dei nostri animali a quattro zampe, un mixage di rifiuti incredibile.

Insomma , basta fare un giro per la città e nelle periferie per rendersi conto che questo piano straordinario non è mai partito, anzi la situazione è peggiorata.

Nonostante i richiami del sindaco sembra (ma non confermiamo  ) che il comune di Bari abbia diffidato l’Amiu.

Credo che sia arrivato il momento di azzerare tutta la direzione dell’Amiu, mandarli tutti a casa e fare dell’Amiu un’azienda privata, solo così si otterranno dei buoni risultati.

Noi cittadini baresi, dobbiamo dare prova di educazione per la questione rifiuti, non dobbiamo sporcare, depositare i rifiuti negli orari stabiliti e praticare la differenziata.

Basta solo un po’ di buona volontà!

Mario Ardimento

About the Author

- redattore

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.