Published On: mar, apr 17th, 2018

Duma, trovato laboratorio chimico

Share This
Tags

Russian police inspect destruction in Douma city, Eastern Ghouta, the countryside of Damascus, Syria, 16 April 2018. According to media reports, the Syrian army had recently driven the rebel fighters of Jaysh al-Islam (Army of Islam) out of the city. Jaysh al-Islam had control over Douma for the past six years.  EPA/STR

SIRIA – Oggi, gli ispettori dell’Opac sono entrati a Duma, la città siriana colpita dall’ormai celebre attacco chimico lo scorso 7 aprile. Sono proprio i media siriani a raccontarlo. La visita e le relative ricerche si sono protratte sino al tramonto.

Lo scopo del sopralluogo è stato valutare e verificare l’infondatezza delle accuse di attacco chimico contro Assad e i suoi alleati, tra cui spicca la Russia, da parte degli Usa, Francia e Inghilterra. Per “ragioni di sicurezza”, il governo siriano e le autorità russe, presenti stabilmente nel paese, non avevano dato il via libera all’Onu di rilasciare l’autorizzazione formale agli ispettori Opac per recarsi a Duma, pattugliata dalla polizia siriana e da quella militare russa.

I militari russi dicono di aver trovato un laboratorio a Duma utilizzato dai miliziani per fabbricare armi chimiche. “Un laboratorio chimico e un deposito di sostanze chimiche sono stati trovati durante un’ispezione a Duma”, ha detto alla tv Rossiya-24 Alexander Rodionov, un portavoce delle truppe radiologiche, chimiche e biologiche in Siria. “Durante l’ispezione, gli specialisti hanno scoperto sostanze chimiche bandite. Inoltre hanno trovato un contenitore di cloro simile a quello usato dai miliziani per mettere in scena il falso attacco chimico”, ha detto Rodionov secondo Interfax. “Si può concludere – ha aggiunto ancora Rodionov – che questo laboratorio è stato usato dai gruppi armati illegali per creare agenti tossici”. Una fossa comune con circa 30 cadaveri è stata, inoltre, scoperta sempre a Duma, secondo quanto afferma la tv di Stato siriana citando fonti militari.

“Chiediamo ai paesi occidentali responsabili dell’attacco illegale in Siria di smettere di manipolare l’opinione pubblica e interferire nel lavoro delle organizzazioni internazionali”. In questo modo, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova risponde alle accuse di Parigi. Zakharova ha sottolineato, pertanto, che il ritardo subito dagli esperti dell’Opac è dovuto “alle ultime sacche” di miliziani presenti a Duma. A riportarlo è Interfax.

About the Author

- Sono un ragazzo di 20 anni. Studente universitario di giorno, aspirante giornalista di notte.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.