Published On: lun, dic 2nd, 2019

Edificio della Memoria: domani 3 dicembre s’inizia con “La paranza dei bambini” .

Share This
Tags

Il film di Claudio Giovdownloadannesi inaugura l’iniziativa della cooperativa sociale “I bambini di Truffaut” nell’ambito del progetto sulla legalità finanziato dalla Regione che coinvolge 18 scuole pugliesi. Proiezione gratuita al Cineporto di Bari. Fra gennaio e marzo in programma “Viaggio in Italia. La Corte costituzionale nelle carceri” di Fabio Cavalli (ospite il giudice costituzionale Silvana Sciarra), “Selfie” di Agostino Ferrente (ci sarà il regista) e “Dolcissime” di Francesco Ghiaccio (atteso il cast)
Sarà “La paranza dei bambini” di Claudio Giovannesi a inaugurare la rassegna dell’Edificio della Memoria, il progetto sulla legalità ideato da Giancarlo Visitilli, presidente della cooperativa I Bambini di Truffaut, e dai magistrati Angela Arbore e Marco Guida. Appuntamento martedì 3 dicembre alle 9.30 al Cineporto di Bari per la prima di quattro proiezioni. Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano e incentrato sul complesso confronto fra i bambini di Napoli e la malavita, è la prima occasione di riflessione per le ragazze e i ragazzi delle 18 scuole pugliesi coinvolte nel progetto finanziato dalla Regione Puglia. Ma non solo: la proiezione al Cineporto, aperta a tutti fino a esaurimento posti, è un invito alla comunità a partecipare al dibattito sull’educazione come anticorpo naturale contro le mafie.
La rassegna dell’Edificio della memoria vedrà altri tre appuntamenti fino a marzo. Martedì 21 gennaio 2020 doppia proiezione di “Viaggio in Italia. La Corte costituzionale nelle carceri” di Fabio Cavalli prodotto da Clipper Media con Rai Cinema: alle 9.30 nel Cineporto di Bari e alle 15.30 nell’Aula Magna del Tribunale del capoluogo (riservata agli studenti partecipanti al progetto). Ad entrambi gli appuntamenti saranno ospiti il giudice costituzionale Silvana Sciarra e la responsabile della comunicazione della Corte Costituzionale Donatella Stasio. Martedì 11 febbraio 2020 un altro doppio appuntamento, questa volta con “Selfie” di Agostino Ferrente:  alle 9.30 nel Cineporto di Bari e alle 15.30 nell’Aula Magna del Tribunale del capoluogo (riservato agli studenti partecipanti al progetto); il regista sarà ospite in sala. Ultima proiezione della rassegna, martedì 10 marzo: alle 9.30 nel Cineporto di Bari toccherà a “Dolcissime” di Francesco Ghiaccio. Parte
del cast del film sarà ospite in sala per discutere dei temi dell’opera.
“L’Edificio della memoria” ha ormai superato il migliaio di studenti pugliesi coinvolti. Sono ben 10 edizioni che magistrati, giornalisti e performer accompagnano i ragazzi in un percorso sui temi della legalità nel corso di laboratori e incontri. Il progetto a partire dal 2019 si sviluppa in una programmazione triennale.  L’edizione che si è conclusa a ottobre scorso è stata dedicata alla tematica dell’Educare e durante i laboratori sono stati approfonditi diversi temi ispirati all’articolo 3 della Costituzione, come l’uguaglianza, la violenza di Genere o la microcriminalità. L’11esima edizione, appena avviata, affronta il tema del Costruire. Gli studenti, nell’ambito delle singole aree tematiche, incontreranno esperti, testimoni, e potranno anche svolgere indagini giornalistiche effettuando visite e interviste fuori dal contesto scolastico. Tutti lavoreranno alla realizzazione di un prodotto finale (documentario, intervista, articolo di giornale, fumetto,
pièce teatrale e altro) aiutati e coordinati da esperti (magistrati, avvocati, giornalisti, attori, fumettisti e registi). Quest’anno viene inoltre istituito un concorso per corti, il PREMIO SOCIALcort, dedicato “alla memoria di Stefano Fumarulo”: il concorso è aperto a lavori italiani a tema sociale di singoli studenti o intere classi, realizzati da giugno 2019 ad ottobre 2020, che non siano già stati premiati nell’ambito di altri concorsi. Alla scuola dell’opera vincitrice si regalerà  una rassegna dal fascicolo attività de “I Bambini di Truffaut”.
L’Edificio della Memoria è costruito sulla base dell’Avviso n. 2/2017 – “Cantieri innovativi di antimafia sociale: educazione alla cittadinanza attiva e miglioramento del tessuto urbano” della Regione Puglia. Negli anni è diventato progetto pilota della legalità per la Regione Puglia per volere di Michele Emiliano e su iniziativa di Stefano Fumarulo, dirigente della Sezione Sicurezza del cittadino e Antimafia sociale, prematuramente scomparso nel 2017. Partner del progetto sono i Comuni di Bari e di Palo del Colle, gli istituti Pietro Sette di Santeramo in Colle, Marco Polo di Bari e Ferraris di Molfetta, Unisco e Leader; in collaborazione con Coop alleanza 3.0.

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.