Published On: sab, ago 1st, 2015

Finalmente! Anche il sindaco se né accorto che Bari è sporca

decaroIl sindaco ha dichiarato che la città di Bari è sporca, noi cittadini lo diciamo da molto tempo.

Da Palazzo di Città finalmente il sindaco ha deciso di fare la voce grossa nei confronti della società Amiu , avendo un contratto annuale pari a 64milioni di euro per il servizio di pulizia e ritiro rifiuti che molto spesso non viene effettuato.

Infatti , Decaro  si è presentato all’Amiu arrabbiatissimo incontrando i vertici dell’azienda, lamentandosi giustamente della situazione rifiuti della città, dando disposizioni precise.

“Tutta l’Amiu è sotto osservazione, siamo inondati ogni giorno di segnalazioni e foto della città sporca da parte dei cittadini di tutti i quartieri, imponendo un piano straordinario per la pulizia della città.”

Molte sono le novità che verranno messe in campo per  pulire la città, non solo in questo momento particolare ma per tutto l’anno solare.

Dal 3 Agosto, l’Amiu  raddoppierà lo spazzamento manuale  grazie all’assunzione di 10 nuovi operatori ecologigi. La pulizia sarà anche serale nei luoghi più frequentati della movida barese, disinfestazione contro topi e blatte, pulizia delle strade, marciapiedi , cassonetti dei rifiuti con idranti a pressione.

Finalmente, il sindaco ha preso in mano la situazione per migliorare e pulire la nostra bella città, confidando anche che tutti i baresi si adeguino al conferimento dei rifiuti.

Mario Ardimento

About the Author

- redattore

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.