Published On: gio, lug 25th, 2019

Grande successo per la 12 edizione del Medit Summer Fashion.

Share This
Tags

vonLa città di Mesagne protagonista della 12 edizione del Medit Summer Fashion. Piazza Orsini del Balzo, con la splendida chiesa barocca dedicata a Sant’Anna, è stata la cornice ideale per una sfilata elegante e glamour che ha regalato tante emozioni. In passerella le celebrità del mondo della moda e dello spettacolo oltre a rappresentanti dell’editoria internazionale. Una iniziativa che ha portato anche tanta economia al territorio con locali pubblici pieni, hotel e b&b prenotati da tempo.

Uno spettacolo condotto magistralmente da Anthony Peth e dall’ideatrice del Medit Summer Fashion, Antonella Parziale. La serata ha visto protagonisti otto stilisti emergenti partecipanti al concorso di moda “Tributo a…”, che si sono contesi i premi messi a disposizione da Mad Mood Milano – Lecce e quDAMAello messo a disposizione dalla stessa Associazione Medit Summer Fashion.
La giuria di esperti, presieduta da Vincenzo Merli, Brand Manager della Maison Egon Von Furstemberg, ha voluto consegnato questa classifica: primo premio a Mario D’Andria con tributo ad ALEXANDER MAC QUEN; Secondo premio a BIBIANA PARISI con tributo ad Alberta Ferretti; terzo premio a con Giuseppe Mattucci tributo a Valentino. Il pubblico, caloroso già dalle prime battute, ha molto apprezzato le creazioni dei brand affermati che hanno sfilato sulla passerella del Medit.
Carico di emozioni il momento dedicato al premio alla Carriera per la giornalista Silvana Giacobini. La signora Giacobini ha presentato il suo ultimo lavoro editoriale “LA SCHIAVA BIANCA”, edito da Cairo Editore. A premiarla Pasquale Lorusso, Presidente di Confindustria Basilicata. Umberto Garibaldi, editore e giornalista del Magazine Red Carpet, presente in ogni evento internazionale con il suo magazine ha apprezzato l’organizzazione del Medit Summer Fashion raccontando gli eventi più belli d’Italia e dall’estero.

RAFEDIN1 (1)Emozionante la sfilata dei capi creati dalle donne dell’associazione Rafedìn – Iraqi Girls. In passerella tre abiti interamente fatti da ragazze Irachene.  Il progetto Rafedìn nasce nel marzo 2016 con l’intento di aiutare le giovani donne irachene e le loro famiglie  rifugiate in Giordania. Il nome del progetto “Rafedìn” significa Mesopotamia – grazie all’aiuto di Don Mario Cornioli e alla fashion designer Antonella Mazzoni,  è stato possibile ideare i primi modelli fino a creare indumenti di alta qualità e insegnare l’arte sartoriale alle giovani donne irachene.

Mesagne ha anche apprezzato la grande sorpresa della collezione privata del “Principe della Moda” Egon von Fürstenberg. von (2)Una “Firma” di grande prestigio e celebre in tutto il mondo. È stata una occasione d’eccezione, in cui è stato possibile ammirare in passerella delle creazioni di Haute Couture della Collezione Privata del Principe, discendente di una delle Dinastie mitteleuropee più note e importanti, ma anche primo nipote di quel grande “Arbiter elegantIe” che fu Gianni Agnelli. La sfilata ha riservato anche un momento all’arte orafa.

Marina Corazziari, creatrice Orafa e Scenografa, insignita da alte cariche di corazziari 2 (2)premi e riconoscimenti, che per questa edizione ha creato delle sculture gioiello, ha fatto sfilare le sue ultime creazioni sbalordendo tutti.

La chicca della serata è stata la presenza di Gaia Girace, interprete e protagonista di Lila nella Fiction “L’amica Geniale“ andata in onda su Rai 1. L’Associazione Medit Summer Fashion gli ha conferito un premio alla sua interpretazione nella fiction.

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.