Published On: lun, gen 21st, 2019

Il Fuorigrotta fa il pieno, il Giovinazzo C5 esce a testa alta. Finisce 2-3

Share This
Tags

Nulla da fare, downloadal PalaPansini, per un Giovinazzo C5 generoso che cede con l’onore delle armi al Futsal Fuorigrotta, la prima squadra a violare l’impianto sportivo di viale Moro. I primi della classe, nel girone F di serie B, s’impongono 2-3, complice il vantaggio (1-3, a metà ripresa) che i padroni di casa non riescono a ricucire nonostante il tentativo di rimonta che si concretizza nel gol di Piscitelli. E la realtà, al 40’, prende il sopravvento sui sogni di Francesco Faele, che sognava la svolta, pur dovendo rinunciare allo squalificato Marolla e all’infortunato Morgade, ancora alle prese con i postumi di una distorsione valida alla caviglia destra. In campo ci sono comunque i vari Depalma, Mongelli e Piscitelli, oltre a Josè David, Rafinha e Sabater. Nomi che fanno la differenza e che innescano subito la partita col palo colpito da Piscitelli. Gli ospiti dell’ex Marcelo Magalhaes rispondono con uno scambio Turmena-Arillo e poi con una fuga di Grasso fermato in uscita da Di Ciaula, ma sono i biancoverdi a passare in vantaggio. Tutto nasce da uno schema su punizione calciato da Rafinha, con il quale Josè David riceve il pallone e lo piazza all’angolino alto: 1-0. La capolista, però, non demorde, impatta subito il match con Arillo, servito da Grasso (1-1), e solo Di Ciaula nega il raddoppio ai vari Grasso, Milucci e Da Silva. Il sorpasso è però nell’aria e, dopo il velenifero diagonale di Piscitelli fermato da Marcio Ghano, arriva a 17 secondi dal riposo, quando Da Silva, ben appostato sul secondo palo, riceve da Milucci e firma l’1-2. Il Giovinazzo C5 non si tira indietro e cerca la soluzione da palla inattiva con Rafinha: palla a lato. 1-2 all’intervallo. Le armi del Futsal Fuorigrotta sono sempre le stesse, tra queste la capacità di ipnotizzare con il possesso palla. Con scatti improvvisi, come le conclusioni di Arillo e Turmena parate da Di Ciaula, l’1-3 di Da Silva, stavolta servito da Imparato, e il pallonetto di Turmena che colpisce la traversa, prima del goffo intervento di Da Silva che cerca di spingere il cuoio in rete: con la mano, secondo gli arbitri, che gli mostrano il secondo giallo. È pazzesco, dall’altra parte, quello che si mangia Depalma, su assist di Piscitelli (un piattone a portata di mano che si stampa sul palo), mentre Piscitelli trafigge Marcio Ghano con un destro chirurgico e riapre la gara: 2-3. Chi non molla il colpo è il Futsal Fuorigrotta che ci prova di forza, colpisce un palo con Grasso, mentre il quintetto di casa, con Rafinha quinto di movimento, replica con Sabater e Josè David, ma è troppo poco. E così, il Giovinazzo C5, ormai rassegnato, ma che avrebbe meritato il pari, concede l’onore delle armi: passano i più forti.

 

 

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.