Published On: mar, ott 28th, 2014

Latte scaduto e rifiuti chimici nel fiume Volturno

Foreste_Molisane_latte-scadutoUn altro scandalo alimentare è venuto a galla. Il proprietario, di una grande azienda dedita alla produzione di latte è agli arresti domiciliari.

Tante sono le accuse rivolte a G.G., patron del marchio del latte F.M. nel comune casertano di Gioia Sannitica, che da oltre 40 anni, lo vedeva impegnato nel settore zootecnico.

Le accuse: latte scaduto e mischiato con quello della lavorazione giornaliera e poi venduto.Operai, costretti  sotto minaccia di licenziamento a sversare nel fiume Volturno gli escrementi dell’allevamento, i reflui del sale di mungitura, le acque di lavaggio delle stalle contaminate da detergenti fortemente tossici producendo un quantità di inquinamento incredibile.

Inoltre, sarebbero stati interrati tutti gli scarti di imbottigliamento, per un totale di 6.5 quintali di rifiuti al giorno.

Tra i rifiuti, sono stati anche trovati carcasse di animali, animali che vivevano in condizioni ambientali veramente folli.

A far partire l’inchiesta è stato un dipendente che, si è autodenunciato per aver partecipato ai comportamenti illegali.

L’uomo, in questi anni ha risparmiato alle spalle della salute delle persone e degli animali , circa un milione di euro, oltre al sussidio pubblico di 70 euro per il “benessere” di ciascun animale.

 

Mario Ardimento

About the Author

- redattore

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.