Published On: dom, gen 10th, 2016

Nulla è cambiato

integrazioneAlla fine del 2015 tante speranze allietano il nostro pensiero per un mondo migliore.

Il 2015 ha lasciato una lunga scia di sangue ma, l’essere umano (se cosi si possono definire) ha nella sua testa malata solo venti di guerra.

L’isis, questa maledetta organizzazione miete morti in tutto il mondo con attentati infami nel nome di Dio.

Tanti si domandano, perché tutto quest’acredine verso il mondo occidentale? Quali sono gli interessi che spingono i musulmani a uccidere i cristiani, difendendo la loro religione?

Sembra di essere tornati indietro negli anni, quando insanguinavano le guerre per impadronirsi della terra di un’altra Nazione.

I capi di Stato, che rappresentano le Nazioni più potenti della terra, prendono decisioni solitarie senza concludere nulla.

In Italia, hanno intensificato i controlli per (speriamo) evitare attentati nel nostro Paese.

Il Pd, in questi giorni ha pensato di abolire il reato di clandestinità.

Come può un Governo abolire questa legge dopo i fatti accaduti in Colonia, donne aggredite e molestate nella notte di capodanno da un gruppo di nordafricani e arabi? Inacettabile.

Quello che è accaduto in Germania, potrebbe succedere anche in Italia.La sicurezza dei cittadini Italiani e Europei è molto importante.

L’integrazione non funziona per un semplice motivo: gli immigrati vogliono semplicemente vivere in Italia con le loro tradizioni distruggendo le nostre.

L’integrazione umana, culturale, sociale e religiosa è senza dubbio la strada per vivere nel mondo della globalizzazione ma, rispettando le proprie idee.

Oggi, nulla è cambiato.

Mario Ardimento

About the Author

- redattore

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.