Published On: ven, gen 25th, 2019

Presentata ad Altamura la manifestazione di agricoltori e sindaci del 31 gennaio.

Share This
Tags

Presentata la mobdownloadilitazione del 31 gennaio dei sindaci e degli agricoltori in Puglia
Tutto pronto: 300 trattori, decine di sindacio, autobus di agricoltori e cittadini
E’ L’ORA DI CAMBIARE E DI APRIRE IL PERCORSO PER LE RIFORME
Come annunciato in questi giorni si è svolta oggi, presso il Comune di Altamura, la conferenza stampa indetta dal Movimento Riscatto, Altragricoltura e LiberiAgricoltori per presentare il programma relativo alla manifestazione che si terrà il 31 gennaio p.v. al fine di chiedere ai governi regionali e nazionale iniziative urgenti sui consorzi di bonifica.
Alla conferenza stampa hanno preso parte le delegazioni de il Tavolo Verde Puglia, la rete dei Municipi Rurali e i rappresentanti istituzionali dei Comuni di Altamura, Santeramo, Gravina in Puglia, Poggiorsini, Spinazzola e Minervino.
L’incontro con la stampa è stato introdotto da Domenico Viscanti, agricoltore di Altamura e leader del Movimento Riscatto di cui ha già guidato la mobilitazione contro l’IMU Agricola imposta e poi ritirata dal precedente governo, che ha dato conto della grande partecipazione di agricoltori e forze istituzionali non solo del territorio dell’Alta Murgia ma anche dal brindisino e dal Salento, che ad oggi ha dato l’adesione per la manifestazione che, partirà proprio dal comune di Altamura.
“Finalmente” da detto Viscanti “possiamo contare su una sentita e partecipata adesione non solo del movimento agricolo ma delle istituzioni, alcune qui presenti; tuttavia diventa assolutamente necessario che le forze politiche diano il segnale che ci aspettiamo, in modo particolare il nostro appello va alle rappresentanze sindacali nonché al governo regionale, nella persona dell’assessore Di Gioia e al Governo Nazionale con il ministro Centinaio, di fare fronte comune affinché si si adoperino con maggiore attenzione e attivamente verso il mondo agricolo e rurale sempre più in crisi.”
Il Sindaco del Comune di Altamura, Rosa Melodia, ha sollecitato tutti i Municipi a prendere parte a questa importante manifestazione poiché “riteniamo che l’obiettivo è quello di intervenire in maniera efficace sugli Enti di Bonifica e degli enti riforma agricola a supporto non solo degli agricoltori ma anche di tutti i cittadini perché questo è un problema che investe tutti quelli che vivono in queste città e in questi territori. Siamo pertanto orgogliosi di poter affiancare anche con i nostri gonfaloni questa importante manifestazione. Riteniamo pertanto di dover interpellare il Presidente della Regione e il ministro all’Agricoltura quali soggetti rappresentativi di governo che devono essere accanto ai comuni ai cittadini per essere efficaci nella proposta di una nuova agricoltura.”
Un appello che è stato rilanciato dal sindaco di Minervino Murge, Maria Laura Mancini, “non vogliamo creare muri ma è necessario parlarsi, confrontarsi, per portare al governo nazionale e regionale la voce degli agricoltori e delle aree interne. Abbiamo bisogno di una vera e propria riforma agricola che vede tra le tante problematiche ora, più urgente che mai, quella delle cartelle esattoriali imposte dai consorzi. L’invito è di incontrarsi il 31 gennaio ad Altamura per dare voce a tutto questo disagio e dare voce a un’agricoltura innovativa.”

Grande soddisfazione espressa da Altragricoltura e LiberiAgricoltori, due delle organizzazioni sindacali che stanno aderendo all’appello all’unità ed alla partecipazione lanciata dal Movimento Riscatto e dalla Rete dei Municipi Rurali, attraverso le parole di Gianni Fabbris, che ha concluso la conferenza stampa sottolineando come il problema dei consorzi di Bonifica sia solo uno dei problemi che attanagliano l’agricoltura attraverso l’imposizione di cartelle esattoriali insostenibili a fronte di servizi reali sempre più inesistenti. “Grande merito al Movimento Riscatto per aver saputo in questi anni promuovere la partecipazione dal basso” ha sottolineato Fabbris, “e oggi ancora una volta protagonisti della fase di cambiamento di cui abbiamo bisogno. Il Movimento è nato durante la mobilitazione contro l’IMU agricola, una mobilitazione vincente e che non ha delegato a nessuno l’idea della rappresentanza. Dobbiamo tornare assolutamente a riprendere in mano il destino della nostra agricoltura e gli agricoltori devono essere protagonisti insieme ai comuni e ai sindaci. I municipi come quello in cui oggi siamo, Altamura, sono i luoghi dove dobbiamo riportare la voce dei soggetti veri e costruire insieme agli amministratori una prospettiva nuova che finora ci vede negata. Le campagne meridionali vivono in questo momento in una grande sofferenza, siamo in una grande crisi che ha molte ragioni ma che ha bisogno di risposte. Chiediamo pertanto alla Regione Puglia la sospensione immediata e l’annullamento delle cartelle che sono state emesse a fronte di servizi inesistenti”.

All’incontro hanno partecipato anche i rappresentanti dei Comuni di Santeramo, Poggiorsini, Spinazzola e Gravina in Puglia che hanno confermato la loro partecipazione e l’organizzazione di autobus di cittadini e agricoltori.

La manifestazione partirà alle ore 9 con un primo corteo di trattori che muoverà fino a incontrare i sindaci e i cittadini per arrivare al Palazzetto dello sport di Altamura dove si terrà l’assemblea e l’atto dei sindaci.

Invitati a partecipare il Presidente Emiliano, l’Assessore Di Gioia e il Ministro Centinaio oltre che tutti i sindaci dell’area, le forze sociali e sindacali, gli agricoltori e i cittadini.
Nella giornata di domani 25 gennaio verrà diffuso un appello all’unità rivolto a tutti i sindacati agricoli e dei lavoratori di Puglia perché “superino le divisioni e le contrapposizioni nell’interesse degli agricoltori e delle comunità”.

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.