Published On: lun, mag 17th, 2021

Proroga al 31 luglio delle occupazioni di suolo pubblico per i concessionari di chioschi ed edicole: avviato il procedimento di rinnovo delle autorizzazioni

Share This
Tags

BCFEB57C-30AF-42C6-8BFE-4830B5E37E9CLa ripartizione Patrimonio rende noto che, con apposita determinazione dirigenziale (n. 2021/05778 del 12 maggio 2021), si è disposta la proroga automatica delle concessioni di occupazione di suolo pubblico per i concessionari di chioschi ed edicole fino al 31 luglio 2021, a causa dell’emergenza Covid-19.
Con lo stesso provvedimento si è avviato il procedimento di rinnovo delle stesse autorizzazioni fino al 31 dicembre 2033, esclusivamente su istanza di parte.
Il rinnovo è subordinato al possesso, da verificarsi d’ufficio nel corso del procedimento, dei seguenti requisiti:
1) iscrizione ai registri della Camera di Commercio, quale impresa attiva, nella tipologia di attività per cui è stata rilasciata la concessione oggetto di rinnovo
2) possesso dei requisiti soggettivi, di onorabilità e professionali, ove richiesti, di cui all’art. 71 del D.Lgs. 26.3.2020 n. 59
3) regolarità dei pagamenti sia del canone di concessione che dalla TOSAP e degli eventuali oneri di pagamento delle spese idrico-fognarie
4) essere in regola con la concessione già conferita dal Comune di Bari.
Il mancato possesso dei suddetti requisiti comporta l’impossibilità di rinnovo della concessione, con conseguente automatica decadenza della stessa.
“Nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Riaperture, che ha prorogato lo stato di emergenza al prossimo 31 luglio, e sulla scia di quanto già realizzato da questa amministrazione con la collega titolare dello Sviluppo economico per la proroga e il rinnovo delle concessioni di posteggio nei mercati, abbiamo prorogato al 31 luglio la validità delle concessioni in essere per i titolari di edicole e chioschi su suolo comunale – commenta l’assessore al Patrimonio Vito Lacoppola -. Questo provvedimento risponde sia alla volontà di garantire agli esercenti la necessaria continuità lavorativa sia di offrire loro la possibilità di incrementare i propri introiti nel tempo dopo la crisi determinata dallo stato di emergenza, che ne ha ridotto considerevolmente i giorni e gli orari di apertura.
Per questo invito tutti i titolari di questa tipologia di chioschi, circa 150 sul territorio comunale, ad attivarsi per ottenere il rinnovo delle concessioni per continuare ad esercitare la professione per i prossimi dodici anni”.
Le istanze dovranno essere redatte secondo il modello disponibile sul sito del Comune di Bari [ https://www.comune.bari.it/-/proroga-concessioni-occupazioni-suolo-pubblico-per-i-ai-concessionari-di-chioschi-ed-edicole | a questo link ] e dovranno pervenire alla ripartizione Patrimonio tassativamente entro il 31 luglio 2021, esclusivamente:
– a mezzo pec all’indirizzo: [mailto:patrimonio.comunebari@pec.rupar.puglia.it | patrimonio.comunebari@pec.rupar.puglia.it]
– a mezzo corriere o a mezzo raccomandata a/r all’indirizzo: Ripartizione Patrimonio – Settore Gestione Patrimonio e Inventari – viale Archimede 41 – 70126 Bari;
specificando sulla busta: richiesta rinnovo concessione fino al 31 dicembre 2033.
È escluso l’invio delle istanze a mezzo posta ordinaria, posta elettronica semplice o mediante consegna a mano: le istanze che dovessero pervenire, anche entro i termini previsti, secondo tali modalità, non saranno accettate.
Pertanto, la mancata presentazione dell’istanza nei termini e nelle modalità indicati nell’avviso, comporterà la decadenza di qualunque proroga di concessione nelle more giunta a scadenza.

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.