Published On: lun, dic 10th, 2018

TEDx BARI: QUATTRO INTENSE ORE DI SPETTACOLO DEDICATE ALL’ETEROTOPIA.

Share This
Tags

Ore intense, capadownloadcità di problem solving altissime, risate, abbracci,
pacche sulle spalle e tenacia, insieme alla voglia di non fermarsi e di
fare bene per il desiderio di offrire al pubblico il massimo hanno
accompagnato il dietro le quinte della quarta edizione del Tedx Bari andato
in scena sabato pomeriggio al Teatro Petruzzelli. Alle 17 le porte del
Politeama si sono aperte e il pubblico ha iniziato ad entrare per trovare
posto. Sul palco campeggiava l’imponente allestimento con la scritta TEDx
Bari, un tappeto rosso tondo al centro e un pianoforte sul lato. Eterotopia
era il tema centrale che legava la scelta degli speaker da parte della
direzione artistica del gruppo con la guida del direttore *Vittorio Parisi*
e del presidente dell’associazione Tedx Bari* Davide Giardino*.
A rompere il ghiaccio con il pubblico seduto e pronto all’ascolto è
stato *Roberto Casati* con il suo speech dedicato al mare in cui ha raccontato la sua
esperienza di viaggio in mare nata dalla voglia di indagare cosa abbia
spinto gli esseri umani ad andare per mare, colonizzando terre e isole e
come i viaggi permettano di conoscere il modo e di conoscere il proprio
essere. Non è mancato un riferimento alla situazione attuale. Perché “Oggi
il mare è anche teatro di sofferenza per gli immigrati: una migliore
conoscenza del mare dovrebbe aiutarci per comprendere e conoscere i
problemi che costituiscono le cause di queste tragedie – ha detto – Ma
aldilà delle cause rimane il problema delle persone che chiedono aiuto, un
aiuto che non può essere negato, in quanto è tutto ciò che abbiamo imparato
nel corso dei secoli. La morale è dunque che il mare è costitutivo della
nostra essenza di essere umani, ma è anche costitutivo della nostra
conoscenza”.

Il secondo intervento è toccato a *Rossella Ferorelli* sul tema delle città
e della sicurezza. “Viviamo in un periodo contraddittorio perché da una
parte il mondo si sta urbanizzando, dall’altra si sta iniziando ad
attribuire ostilità alla città. L’urbanista ha a disposizione strade facili
e difficili: la strada facile è aumentare il controllo attraverso la
vigilanza, costruire barriere e limiti. L’altra strada facile è di non
occuparsene, prendendo il pezzo di città che non si sente sicura e
alienandola. Occorre ripartire dalle periferie, campo in cui l’urbanista ha
le mani più libere. Abbiamo bisogno di città che ci lascino la libertà di
decidere come utilizzarle e ci permettano di guardarci l’un l’atro, unico
modo per avere sicurezza. Questo si chiama diritto alla città. “Publicness”
è la capacità di un bene di essere pubblico, la si misura quando un luogo è
più vitale, accessibile e il controllo è meno presente. Se volete sentirvi
più a casa nello spazio urbano uscite, andate per strada e chiedete a voce
alta più publicness”.

*Nell Watson* ha parlato invece di internet e della sua rivoluzione.
“Inizialmente internet sembrava poterci avvicinare, gli anni Novanta erano
un periodo ottimista. Oggi è un luogo in cui si incontrano e scontrano
relazioni perché più sappiamo qualcosa dell’altro, più conosciamo aspetti
che non condividiamo. Ma a volte le persone con cui ci si batte sono
proprio quelle più simili a noi. C’è un forte fenomeno di politicizzazione,
ognuno ha la propria idea, oggi c’è un nuovo hobby che io chiamo sdegno
ricreativo. Oggi non abbiamo solo un media, non abbiamo una sola finestra
in cui la gente può interfacciarsi ad una conversazione civile. Le parole
utilizzate in un discorso possono essere interpretate e avere un
significato differente per altre persone. La polarizzazione riempie il
nostro mondo, compreso quello dell’occupazione ma è una polarizzazione e
scorretta perché occorrerebbe pensare alla protezione della filiazione
politica da questo tipo di discriminazione. La chiave vincente è esplorare
come potremmo costruire la pace nel nostro mondo insegnando ai nostri
bambini come essere in disaccordo in maniera civile, innalzando il grado di
compassione e comprendendo che una persona con un’opinione diversa non è
cattiva”.

Il *Maestro Arciuli* ha parlato delle eterotopie in musica regalando anche
alcuni momenti al pianoforte. “Due soni i miti nel nostro immaginario – ha
esordito – gli extraterrestri e i nativi americani. I primi sono ipotesi, i
secondi esistono, mondi affini ma anche molto diversi. Il cielo del New
Mexico è la terra che sintetizza queste due forze. Non potevo diventare
amico degli ufo quindi ho instaurato rapporti di amicizia e collaborazione
con i nativi americani, diversi dai soliti stereotipi. Le poche unità di
nativi americani sono il luogo di eterotopia per eccellenza. I brani legati
alla cultura nativo americana contengono un forte aspetto metaforico. Oggi
quella degli Indiani d’America è una cultura marginale, anche in America,
il mio augurio è che questo spazio riesca a farsi avanti senza perdere la
sua carica rivoluzionaria, capace di creare utopie”.

L’attesissima *Valentina Nappi* ha invece portato sul palco del Petruzzelli
l’eterotopia nel porno. “Eterotopia per me è un sottospazio dello spazio
generico in cui viviamo. Facciamo un esempio di Eterotopia: il Carnevale.
Esso è eterotopia perché è uno spazio di sfogo, uno spazio in cui molti
elementi diversi si fondono. Anche il porno è un’eterotopia, è uno spazio
fortemente contrastato, per me progressivo, in cui le regole sono sospese o
invertite e che tende ad evadere lo spazio comune. Oggi il porno è ancora
fortemente contrastato. Le religioni e le tradizioni hanno ancora un enorme
peso ma bisognerebbe togliere libertà ai razionali per darla gli
irrazionali. Il porno è un momento di interruzione delle regole in una
società ricca di contraddizioni e che ha solo voglia di tutelare
l’irrazionalità. Oggi sembrano fronteggiarsi due tipi di pensiero: quello
delle religioni ed un altro debole che è quello laico. Dove è dunque la
libertà. Sembra esistere solo per i razionali ma non per gli irrazionali.
La domanda è quindi: quale libertà vogliamo? Voglia una libertà imposta da
intellettuali e religiosi o vogliamo una libertà razionale? Vogliamo o non
vogliamo fare i conti con le nostre contraddizioni? Bisogna divulgare un
pensiero forte su quella parte di razionalità debole e quindi deve essere
lecito far vedere un film con nudo integrale e non lecito inculcare
irrazionalità religiose”.

*A Christian Raimo, *scrittore, giornalista, insegnante e oggi anche
assessore alla Cultura in un Municipio di Roma, ispirandosi all’articolo 3
della Costituzione italiana, proiettato per tutto lo speech sullo schermo
alle sue spalle ha sottolineato l’importanza di avere un teatro e una
biblioteca in ogni città e quartiere e della necessità di applicazione e
creazione della società descritta nella Costituzione, perché oggi non
esiste l’uguaglianza per tutti. Un esempio è la scuola: il 14% dei ragazzi
italiani ha solo la terza media, il 25% dei ragazzi tra i 25 e 29 anni
invece non studia e non lavora. “Il nostro compito è includere quella parte
della società mancante, ma su questo c’è pigrizia, anche se la tradizione
della costituzione italiana richiede lo richiede! Bisogna creare società
che ancora non esistono, e di questo ce lo dimostra il passato. Dobbiamo
dunque impegnarci, adempiere il nostro compito di sviluppare, dare tutte le
carte disponibili ai ragazzi per svilupparsi correttamente. Abbiamo bisogno
dunque di luoghi di discussione, di incontro, di laboratori di politica. Io
insisto sui teatri e sulle biblioteche, perché questi luoghi più di altri
ci insegnano la giusta cultura e storia. Il TED, che per altro si è tenuto
in un teatro, è un altro giusto luogo dove adempiere il nostro compito di
sviluppare e svilupparci. Il TED è un’assemblea”.

“Ieri sera siamo arrivate a Bari e ci ha accolto una terra straordinaria,
ricca di qualità gastronomiche. Ecco perché adesso vi accogliamo noi con un
piatto della vostra tradizione: le orecchie con le cime di rapa, ma con un
ingrediente diverso, considerato il cibo del futuro: un insetto, per
l’esattezza un grillo – è stato l’esordio di *Giulia Maffei e Giulia
Tacchini* -. La sfida è quella di portare in un piatto tradizionale di una
cultura consolidata con un ingrediente totalmente contrapposto, che però
può renderlo anche molto più buono. Tale “innovazione” però non è nuova.
Gli antichi greci e romani usavano gli insetti – e le loro interiora – come
ingredienti per la creazione di particolari piatti e prodotti, come il
formaggio. Questo uso nel tempo si è perso ma oggi la situazione sta
cambiando di nuovo. Deve cambiare. Il sovraccarico di produzione di carne,
e quindi la sua diminuzione nel mercato, sta permettendo di cercare nuovi
alimenti, e questi sono proprio gli insetti, consumati in tante parti del
mondo e ricchi di sostanze nutrienti. Vi stiamo proponendo un piatto che
include la sostenibilità – hanno concluso -. La riflessione che vogliamo
darvi dunque è questa: riuscire a contaminare diverse culture può portare a
unire diverse tradizioni e quindi diversi luoghi all’interno di esso. Il
Piatto è luogo eterotopico, dove dobbiamo decidere di mettere degli
ingredienti che ci dà direttamente la terra, e non ingredienti che invece
la collassano.

*Alessandro Lolli e Lorenzo De Angelis *hanno spiegato e raccontato cosa è
un meme, ovvero un linguaggio di un altro luogo, un luogo eterotopico, che
si chiama Internet. Per capire cosa è un meme bisogna capire a che cosa è
contraddistinto: il contenuto virale. Il contenuto virale annuncia solo il
suo contenuto, il meme invece è un contenuto virale che non mira solo a
riprodursi ma che chiede anche di essere reinventato. È un gioco figurativo
con potenzialità artistiche.

“Una volta a lavoro e mi è successa una cosa incredibile. La mia collega,
una di quelle persone molto di classe, mi dice: “Non hai freddo con quella
gonna?”. In realtà la domanda sottointesa era diversa: “Perché hai quel
look dà poco di buono”? Le minigonne sono dunque considerate strumenti di
seduzione. Questo avrebbe dovuto indurmi a pensare di cambiare
abbigliamento per non essere giudicata? Ma poi ho pensato: “io non giudico
un ragazzo che ha dei baffi, anche se sono la cosa più strana del mondo.
Eppure, a nessuno importa, nessuno giudica un ragazzo con i baffi, anzi
questi sono di moda” – ha esordito con un dialogo *Rachel Vanier *nel suo
talk sul corpo e sulla percezione di esso, sulla femminilità e sul
femminismo -. Perché dunque a tutti interessa se io indosso una minigonna? E
perché a tutti interesserebbe se invece un ragazzo indossasse una minigonna? La
ragione sta nel fatto che oggi sembra una contraddizione essere femministi
ed allo stesso tempo essere femminili. L’aneddoto della minigonna mi è
successo 11 anni fa – ha poi svelato – e dopo ho lavorato in svariati
luoghi e non ho mai avuto molestie, critiche, offese o discriminazioni. E
per questo sono la donna più fortunata del mondo. Ma se penso a tutte
quelle donne più povere o meno fortunate di me mi dispiace veramente
tanto. Quando
si giudicano le donne per il loro outfit si è più vicini a coloro che
dicono che lo stupro è istigato. Questo non è giusto. Vi prego guardate
l’altro lato dello spettro. Se avete difficoltà a interpretare il messaggio
di una ragazza che indossa una minigonna pensate semplicemente che le sue
intenzioni solo le stesse di un ragazzo che porta i baffi”.

Ha chiuso la serata al Petruzzelli con un ringraziamento agli organizzatori
del Tedx e ai volontari che lo hanno resto possibile con impegno e
dedizione il musicista* Francesco De Leo *che si è esibito come ultimo
speaker con una performance che lo ha visto suonare e cantare tre canzoni
tratte dal suo album da singolo “La Malanoche”: Heroin Chic, Muse e
Girasole olandese.

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.