Published On: lun, lug 17th, 2017

World Emoticons Day: la giornata degli ‘smile’

Share This
Tags

Funny-Emoticons-1“Che è questo ingombro di lineette, di puntini, di spazietti, di punti ammirativi doppi e tripli, che so io? Sto a vedere che torna alla moda la scrittura geroglifica, e i sentimenti e le idee non si vogliono più scrivere ma rappresentare, e non sapendo significare le cose colle parole, le vorremo dipingere e significare con i segni, come fanno i cinesi…”.

Giacomo Leopardi (Zibaldone)

 

MONDO – Da ormai tre anni il 17 luglio si colora di emoji o smile, simpatiche faccine che hanno dato vita a emozioni e stati d’animo stilizzati e più veloci.

Un’ invenzione che ha fatto impazzire la società 2.0 da sempre in cerca di immediatezza, spesso peccando di superficialità.

I simboli oggi sono 722 e presto raggiungeranno il migliaio, ma è opportuno fare un passo indietro…

E’ il 1982 quando Scott Fahlman, di mestiere informatico, ebbe l’intuizione di usare per la prima volta l’emoticon in un messaggio inviato ad una bacheca elettronica della Carnegie Mellon proponendo di usare le “faccine” per distinguere post seri da messaggi più scherzosi(per chi fosse curioso e volesse leggere il suo messaggio originario, basta cliccare qui ).

C’è chi pensa che Scott avesse semplicemente riprodotto originalmente lo smiley di Harvey Ball, creato nel 1963 per risollevare il morale ad alcuni dipendenti di un’azienda.

Nonostante la paternità sia ancora un punto di discussione, la fama dei segni grafici non accenna segni di crisi.

Da Apple a Facebook, il fenomeno emoticon(segni grafici poi diventati faccine colorate che prendono il nome di emoji) è ormai mondiale tanto da aver una data tutta sua.

Ma perché festeggiare proprio il 17 Luglio? Questa speciale ricorrenza è stata creata solo nel 2014 dal creatore di Emojipedia, Jeremy Burge, perchè corrisponde alla data presente nell’icona calendario dei sistemi operativi mobile di Apple, nel 2010 è stata ufficializzata come “Calendar Emoji“.

Velocità, esaustività, simpatia e progresso; questi gli ingredienti vincenti della comunicazione 2.0, ma a questo punto ci si domanda se davvero tutto questo sia davvero all’altezza di parole e gesti concreti.

 

 

 

 

 

About the Author

- 20 anni, Facoltà di Lettere Moderne. Kafkianamente in,fariseisticamente out.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.