Published On: lun, feb 12th, 2018

Bari, manifestazione per Mariagrazia Mazzola

Share This
Tags

BARI – Sono accorse diverse persone al presidio per la libertà di stampa e per mostrare solidarietà alla giornalista Mariagrazia Mazzola, la quale durante un servizio per Tg1 è stata aggredita da Monica Laera, moglie del boss Lorenzo Caldarola, lo scorso venerdì. La colpevole del misfatto, tuttavia, ha deciso di scusarsi durante un’intervista al Tgr Puglia, pur sostenendo che la cronista non aveva mostrato rispetto nei confronti della Laera volendola interrogare nonostante in casa ci fosse la salma di sua nonna.
La manifestazione si è tenuta di fronte alla chiesa del Redentore, nel cuore del quartiere Libertà. Si tratta del luogo in cui si è consumato il triste evento. Mazzola, infatti, aveva incontrato la donna dopo un evento contro le mafie, “Libera”. Alla manifestazione hanno partecipato il coordinatore regionale di Libera Puglia, Mario Dabbicco, il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Puglia, Piero Ricci, e il segretario generale della Federazione nazionale della stampa (Fnsi), Raffaele Lorusso. Quest’ultimo ha posto l’accento sull’esigenza di “dare la scorta mediatica ai giornalisti aggrediti, rilanciando le loro inchieste nelle periferie del malaffare”. “Il modo migliore per stare vicini ai colleghi che sono stati colpiti – ha detto Lorusso – è andare nei luoghi” in cui c’è stata l’aggressione, “riprendere e rilanciare le loro inchieste e dare loro la scorta mediatica”, per far comprendere che “quelle inchieste ci riguardano tutti, non solo come giornalisti ma anche come cittadini. Quindi, se volete, colpiteci tutti. Ma non ci riusciranno”.

Giornalista aggredita, manifestazione nel quartiere Libertà di Bari - Foto di Vincenzo Chiumarulo

About the Author

- Sono un ragazzo di 20 anni. Studente universitario di giorno, aspirante giornalista di notte.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.