Published On: sab, nov 4th, 2017

Il cervello ha un cassetto segreto e vi ripone i brutti ricordi

Share This
Tags

Una componente fondamentale del cervello umano è l’ippocampo. Si tratta del “ripostiglio” in cui si conservano tutti i ricordi umani. Eppure, uno studio pubblicato su Nature Communications, condotto da un team di ricercatori dell’Università di Cambridge, ha rilevato la compresenza di un ulteriore facoltà della mente. Quest’ultima, secondo le fonti, conterrebbe i ricordi più negativi e reconditi della psiche umana, recuperando e confermando parte dell’edificio filosofico freudiano.

La chiave di volta di quest’ulteriore struttura del cervello sarebbe un messaggero cerebrale chiamato GABA (Acido Gamma-AmminoButirrico). Nonostante gli studi condotti attraverso tecniche di risonanza magnetica, è ancora difficile stabilire con certezza quali siano i criteri di funzionamento che guidano il “cassetto” dei brutti ricordi. Resta il fatto, tuttavia, che, in caso di mancato funzionamento di quest’ultimo, nella mente umana iniziano ad affiorare ricordi estremamente negativi, tormentando la vita di chi ne soffre. Stress, schizofrenia, isterismo, ansia e depressione potrebbero dipendere proprio da questo.

Michael Anderson, uno dei coordinatori della ricerca, ha affermato che “la nostra capacità di controllare i pensieri è fondamentale per il nostro benessere. Quando quest’abilità viene meno, infatti – sottolinea lo studioso -, possono insorgere alcuni tra i più debilitanti disturbi mentali”. ippocampo

About the Author

- Sono un ragazzo di 20 anni. Studente universitario di giorno, aspirante giornalista di notte.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Le immagini scaricabili presenti sul sito vengono dalla rete. Nel caso in cui alcune di esse fossero coperte da vostro copyright e siate in grado di fornire adeguata documentazione, siete pregati di comunicarlo al nostro webmaster il quale provvederà a rimuovere le immagini segnalate o, se preferite, saremo lieti di poter riportare il vostro link in ciascuna pagina, menzionando gli autori della foto e la fonte da cui è stata tratta. Tutti i testi sono da considerarsi proprietà di Made in Italy, salvo diversamente specificato.